UNA BIBLIOTECA PER IL NORDAFRICA

  • Descrizione
  • FAQ
  • Commenti
  • I sostenitori
Italia

Ciao a tutti, non sapendo esattamente da dove cominciare mi presento: mi chiamo Nadia Holzknecht, sono Italiana, ho due bellissimi figli, ho 38 anni e dal 2011 vivo in Tunisia ed insieme a mio marito ho un sogno: risollevare le sorti del popolo nordafricano. Ridare dignità ad ogni abitante di questo vasto territorio, non solo a chi abita nelle piccole o grandi cittadine, ma anche nelle zone limitrofe ed emarginate, che sono quelle più bisognose.


Mio marito ha già avviato un progetto di sostegno rurale per i contadini che, pur avendo terreno, perlopiù piccoli appezzamenti che si sono disgregati nell’eredità tra innumerevoli fratelli, non hanno la possibilità economica di piantare e quindi coltivare alcunchè: tramite donazioni fatte da aziende per farsi pubblicità (marketing sociale), lui acquista e fa piantare per questi contadini una certa quantità di alberelli d’ulivo, in modo tale da renderli autosufficienti nel giro di pochi anni. Chiunque volesse dare un’occhiata al progetto di mio marito può farlo cercando Symbiosis Empire su facebook o su Youtube; digitando questa dicitura su google troverete il sito, che però purtroppo non è aggiornato causa mancanza fondi.


Il mio desiderio è invece di rendere il più possibile intellettualmente indipendenti queste popolazioni, nel senso che coloro che abbiano il desiderio di studiare o semplicemente di ampliare il proprio bagaglio culturale lo possa fare senza costi eccessivi. Insomma, vorrei aprire una biblioteca, ma non una qualsiasi.


Vorrei dedicarla ai vari personaggi che hanno vinto il premio Nobel da quando esso esiste, tutti nessuno escluso, perché li ritengo il simbolo di un cambiamento che ogni singola persona è potenzialmente in grado di fare. Oltre ai vari scritti di tutti questi personaggi però, vorrei anche allestire alcune altre sezioni a mio avviso molto utili in vari ambiti di studio: medicina (di tutti i generi esistenti, non solo quella allopatica, ma anche olistica, omeopatica, erboristica, ayurvedica ecc…), scienze, ingegneria, architettura, tecnica, filosofia (anche qui vorrei che si spaziasse il più possibile a tutte le culture del Pianeta), psicologia, storia, letteratura, arte e artigianato, agricoltura e giardinaggio, ecc... Oltre ad essere il più possibile completa, mi piacerebbe corredare la biblioteca di un giardino per lo studio all’aria aperta, di una sala conferenze e di una palestra in cui poter far organizzare corsi di yoga, meditazione e tai chi chuan (questo però sarà il passo successivo, prima la biblioteca vera e propria!).


Per chi abita lontano non sarà necessario recarsi fisicamente presso la biblioteca per consultare i libri: verrà allestito un sito internet dedicato in cui i tesserati potranno prenotare i(l) libro/i scelto/i, che riceveranno direttamente a casa tramite il servizio di trasporto nazionale già esistente e, una volta scaduto il tempo a disposizione per la consultazione, lo restituiranno attraverso lo stesso sistema.


Per l’acquisto dello stabile ed il suo allestimento sarà necessaria la somma di € 150.000, di cui purtroppo non disponiamo. Il governo Tunisino non rilascia fondi e sta provvedendo ad oscurare tutti i siti di crowdfunding (vivendo in Tunisia, apriremo la biblioteca in Tunisia, che è anche una località abbastanza centrata geograficamente, ma abbiamo la speranza di riuscire a farla abbastanza grande ed attrezzata da farla diventare un punto di riferimento per tutti gli intellettuali del Nordafrica ed oltre, se Dio vuole).


I vari step sono:



  • Acquistare una struttura adeguata da adibire a biblioteca (50.000€)

  • Allestire con scaffalature, tavoli, sedie e computer la biblioteca

  • Acquistare i libri

  • Organizzare uno staff che si occupi delle varie mansioni necessarie alla gestione della biblioteca


Chiediamo una mano a voi privati cittadini, chiunque abbia la possibilità di effettuare una donazione ed abbia a cuore la problematica dei migranti, dia l’opportunità a queste persone di avere un futuro migliore senza dover necessariamente lasciare il continente Africano. Grazie di cuore.


nessuna

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!